policoro
  Unghie di diamante
 
scuola gliele invidiavano tutti, specialmente le compagne.  "Quanto sono belle, Duilio! Lascia che le tocchi..." Erano unghie straordinarie, mai viste: scintillavano come stelle. Oltre che rendergli le mani bellissime, erano anche un'arma di difesa: graffiavano più degli artigli di una tigre, e nessuno si azzardava a litigare con lui. Neppure doveva preoccuparsi di tagliarle, anche perché non ci sarebbe riuscito persino con un forbicione da sarto: erano infatti di diamante, il materiale più duro che esista. Insomma, erano dieci gioielli.
I genitori le avevano subito fatte stimare da un gioielliere. Quello, inforcata la lente: Accipicchia, aveva detto, - sono 30 carati, - e fatto il conto, le aveva valutate tanti e tanti milioni. Con unghie di quel valore, però, era come portare in giro un tesoro, e i genitori dovevano accompagnarlo ovunque per paura che qualcuno lo rapisse. Quando, ormai grandino, cominciò a uscire da solo, era costretto a stare sempre con le mani in tasca, o a portare i guanti anche d'estate. Di notte, poi; si barricava in casa per paura che un ladro entrasse e gli tagliasse le dita mentre dormiva.
Ma l'inconveniente maggiore fu, diventato un giovanotto, trovare lavoro: nessuno ufficio o negozio voleva assumerlo: era un invito troppo allettante per dei rapinatori. Si era ormai rassegnato a restare disoccupato per tutta la vita, quando trovò invece un'ottima occupazione. L'idea gliela dette l'unica persona che gli avesse offerto un lavoro: adocchiate le sue unghie, un signore lo avvicinò discretamente, proponendogli di entrare in società con lui. - Tu devi solo tagliare i vetri delle finestre, - disse, - con quelle unghie è un giochetto. Al resto penso io, e si divide a metà.- Duilio scartò la proposta, ma non l'idea di lavorare con i vetri. Come vetraio, però. Aprì un negozio e fece fortuna: nessuno sapeva come lui tagliare a  perfezione anche i cristalli più preziosi o delicati. Guadagnava tanto bene da poter assumere due guardie del corpo che lo seguivano ovunque, e così da allora visse tranquillo. Ebbe anche molti amici, tutti premurosi e gentilissimi.
In verità anche troppo: ognuno, infatti, sperava che nel testamento Duilio si ricordasse di lui, lasciandogli almeno un'unghia.
 
  Oggi ci sono stati già 91 visitatori (268 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente