policoro
  il bosco pantano oggi
 
Il bosco di Policoro costituisce quindi attualmente una testimonianza relitta, di rilevantissimo valore naturalistico, scentifico e paesaggistico, della vasta foresta planiziale di latifoglie che da tempo ricopriva gran parte della costa ionica. L'area, segnalata dalla Società Botanica Italiana come meritoria di tutela dal 1971, è attualmente Sito di Importanza Comunitaria (SIC) in base alla direttiva comunitaria Habitat e Riserva Naturale Regionale ai sensi della legge regionale 28/94, per un'area di 480 ettari. Il WWF ha proposto, per l'area ddel bosco e per la foce del fiume Sinni, l'istituzionedi una riserva statale.Lo stesso WWF gestisce dal 1995 ventuno ettari del bosco, di proprietà del Comune di Policoro.L'importanza della Riserva è da un lato dalla sopravvivenza di esemplari arborei colossali, testimonianza viva di quelli che dovevano essere i boschi umidi allagati dalle piane costiere ioniche, e dall'altro per la presenza, in un 'area ormai ridotta al minimo, di numerosi ambienti molto diversificati ormai l'uno dall'altro e dalle conseguenti complesse relazioni e dinamiche.Il bosco di Policoro è oggi diviso nettamente in due parti dalla statale 106 Ionica e dalla ferrovia Taranto - Reggio Calabria: il primo tratto, denominato Bosco del Pantano Soprano, è di limitata estensione e, in seguito ad un furioso ed esteso incendio del 1981, appare oggi anche di limitata consistenza; la seconda parte, a valle della statale Ionica, detto Bosco del Pantano Sottano, più esteso e ancora di rilevante valore naturalistico.


Policorobosco pantano


  cavalli del bosco pantano

 
  Oggi ci sono stati già 46 visitatori (131 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente