policoro
  Un po di comodita
 
In fondo svolgiamo un servizio di pubblica utilità, - dissero. - Abbiamo diritto anche noi a un minimo di comodità. Torto non lo avevano: i loro personaggi non facevano certo una vita confortevole. Basti pensare all'antica fiaba in cui un ragazzo, rimasto orfano, va in cerca di fortuna e per giorni e giorni «cammina cammina cammina», magari in una bufera di neve, senza neppure l'ombrello e le galosce. O a quella dei fratellini che si perdono in una foresta e rischiano di morire di fame, oppure a tutti i cavalieri, le damigelle, i contadini delle vecchie storie costretti per secoli a prendere l'acqua nel pozzo, a lavare i panni al fiume, a cenare alla fioca luce delle candele. Nelle fiabe si era sempre vissuti in questo modo, ma il mondo ormai era cambiato.
Così: Anche i nostri personaggi hanno diritto a un minimo di comodità, dissero le fiabe, e cominciarono a fare petizioni, domande ai ministeri, cercarono persino delle raccomandazioni, arrivavano addirittura a minacciare uno sciopero.A furia di protestare finalmente ottennero che anche da loro si installassero l'acqua corrente, il gas, la luce elettrica e il riscaldamento. Ma alle comodità, si sa, si prende subito l'abitudine: sono come le ciliegie, una tira l'altra. I re, le regine e i nobili pretesero il telefono nelle regge e nei castelli, non volendo più aspettare per settimane l'arrivo delle notizie portate dai messaggeri a cavallo.
Poi pretesero l'aria condizionata e la televisione, e le stesse cose pretesero i contadini nei casolari, e persino i banditi nelle grotte nelle quali si nascondevano. Nelle locande dei più sperduti paesini, gli osti vollero la macchina del caffè, il forno elettrico, e il frigo, e coi i cavalieri che viaggiavano in cerca di avventure, quando vi giungevano, poterono ordinare un' aranciata ghiacciata o un caffè espresso, magari corretto con l'anice per rinfrescarsi prima di affrontare un drago o qualche terribile gigante. In breve tempo, con la sempre maggiore diffusione di servizi e comodità, la vita nelle fiabe cambiò, e cambiarono anche le storie raccontate fino ad allora.

I bambini che si erano perduti nella foresta ormai non rischiavano più di morire di fame, perché ovunque c'erano chioschi con ottimi tramezzini e per giunta non mancavano le cabine telefoniche dalle quali telefonare a casa per tranquillizzare i genitori. I giovani che dovevano affrontare tanti pericoli per trovare dov'era sepolto un tesoro, si procuravano un metal detector e il tesoro lo cercavano comodamente, senza il minimo rischio. I cavalieri arrivati nelle locande nelle quali erano stati ormai installati i videogame, non si decidevano mai a ripartire: si divertivano di più ad abbattere invasori extraterrestri che ad affrontare orchi, draghi e giganti. Intanto le pretese aumentavano ancora. Le fate, dopo il telefono, vollero la segreteria telefonica per non essere disturbate mentre guardavano la televisione. Mercanti, viaggiatori e giovani avventurosi, stufi di viaggiare scomodamente a piedi, a cavallo o in carrozze traballanti, minacciavano di non muoversi più se non avevano un auto, o almeno una moto. 

I re e le regine vollero la Roll-Royce di rappresentanza, e le streghe, stufe di volare a cavallo di una scopa, richiesero un elicottero personale. Più le comodità aumentavano, più le fiabe cambiavano, diventarono addirittura irriconoscibili. 
Cenerentola, ora che aveva la lavastoviglie, la lavatrice e l'aspirapolvere, in dieci minuti sbrigava tutte le faccende di casa e, col permesso della matrigna, ogni sera andava col motorino a ballare. La matrigna, infatti, non era più gelosa di lei, perche le figlie, grazie ai cosmetici e agli istituti di bellezza erano diventati bellissimi, e anche loro potevano aspirare a sposarsi con un principe. Anche la storia di Cappuccetto Rosso cambiò. Da quando le avevano installato il telefono in casa, formava il numero, e:  Pronto, nonna? - diceva. Non sei ancora guarita. Allora, oltre alla torta, ti porto l'aspirina effervescente...

 No, non ti preoccupare per il lupo, non traverso il bosco a piedi, prendo il pullman. Cambiavano anche le storie di biancaneve, di Pollicino, di Hansel Hegretel, tutte, insomma. 
A giudizio di molti divennero assai più belle. Provate a immaginarle: la fantasia puo andare benissimo d'accordo con le comodita.
 
  Oggi ci sono stati già 80 visitatori (141 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente