policoro
  Il venditore di frasi gentili
 
Ne offriva in continuazione, come un albero che non smette mai di fiorire, e di quei fiori offriva sempre quello più adatto e gradito. Solo che non offriva in omaggio rose o mughetti, ma parole tanto delicate da sembrare altrettanti petali che componevano una frase più gentile di qualsiasi fiore. 

È bello guardarti: hai la gentilezza d'un mattino primaverile. Quanta allegria metti: sembri un pinguino che ha vinto al Totocalcio. Sei affettuoso come un gattino sazio che fa le fusa. Il tuo sguardo fa bene al cuore, è come un sorso al cielo. Girava per la città portando nel cuore una serra fiorita di frasi gentili, sempre pronto ad offrirne una a chi ne avesse bisogno. Bastava dargli poche lire per sentirsi dire qualcosa di sorprendente e delizioso, che rendeva felici per tutta la giornata. Per le strade lo chiamavano, lui accorreva e capiva al volo. Uno era triste per un rimprovero ingiusto. Era andato male a scuola? Era triste per aver fatto a pugni e averle prese, o per una delusione d'amore. Aveva una frase pronta per tutti. All'età tua l'ingiustizia è come la fatica: se sai sopportarla significa che sei forte. L'intelligenza non si misura solo sui libri: il vero esame che fai tutti i giorni è la vita. E veramente forte chi sa prenderle senza avvilirsi. Per i giovani una delusione d'amore è una nuvola passeggera che lascia il posto a un sole sfolgorante. Le soddisfazioni maggiori le dava nei parchi alle coppie degli innamorati che passeggiavano o sedevano abbracciati sulle panchine.

I ragazzi timidi che non sapevano fare i complimenti, con 100, 200 lire, potevano offrirne alla loro compagna di bellissimi, come si offrono delle rose. Per via dello strano mestiere che faceva divenne famoso, e le sue frasi più belle cominciarono a circolare in tutta la città. La gente le imparava e, a dirle, facevano venirne in mente di altrettanto poetiche. Insomma, grazie a lui, la gente cominciò a usare sempre più spesso frasi gentili, a rivolgersi la parola con amore e poetica gentilezza.

Per questo, a poco a poco, il suo mestiere finì: nessuno aveva più bisogno di ascoltare o farsi suggerire frasi gentili, ormai le udiva ovunque e aveva imparato a dirle da sé. Ma lui, contento di sentire ovunque poesia e gentilezza, non si dispiacque di restare disoccupato. Anche perché, in segno di gratitudine, il Consiglio comunale, a nome di tutta la cittadinanza, gli assegnò una discreta pensione.
 
  Oggi ci sono stati già 22 visitatori (153 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente