policoro
  Che vergogna
 

 
 
Erano costernate: " Che vergogna!" Come non ce ne siamo accorte prima? Che scandalo stiamo dando!" Le cose bianche, grandi e piccole, elettrodomestici, lenzuola, camicie,ospedali.... all'improvviso si erano accorte di essere nude; tutte le altre, infatti, erano interamente coperte da un attillato vestito di colore. " Che vergogna! Non possiamo restare nude solo noi!"


Subito si coprirono, mettendosi addosso il primo colore capitato a tiro; il latte si colorò di viola, la panna di marrone; frigoriferi, lavatrici, lavastoviglie diventarono gialle, arancione, lilla; le mutandine e le camicie bianche si coprirono di verde; si videro persino i candidi ospedali diventare improvvisamente tutti rossi. questo improvviso cambiamento causò un grande subbuglio, la gente non si raccapezzava più a vedere i gigli diventati avana o le lenzuola colorate di verde. A sentire tutte le lamentele, le cose convocarono la loro assemblea generale e, a quelle ex bianche fu ordinato di togliersi immediatamente di dosso ogni colore. " ma resteremo nude! Moriremo dalla vergogna quando la gente ci guarderà!" "Non dite sciocchezze, figuratevi se gli uomini e le donne si scandalizzano di voi. Non li avete visti sulla spiaggia o fotografati sulle copertine di certe riviste? Più nudi di così non si potrebbe essere!" Le cose che si erano colorate dovettero spogliarsi e tornare bianche.

Ma da allora continuarono a mormorare sottovoce: " Che vergogna, che vergogna!" perché nonostante tutto si sentivano indecenti. Per questo, pareti, camicie e vestiti bianchi si sporcano di più, perché cercano di coprirsi almeno con un velo di sporco


 

 
  Oggi ci sono stati già 24 visitatori (213 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente