policoro
  La scomparsa di Artu
 
Mordret, il figlio illegittimo di Artù, aveva un anima subdola, sempre rosa dalla gelosia e dall' ambizione; egli mal sopportava la fama di cui godevano tanti cavalieri della Tavola Rotonda più valorosi di lui, e nel segreto del suo anima aspirava a sottrarre il potere regale al padre e ad appropriarsene. L' occasione propizia per mettere in atto i suoi vili propositi giunse allorché Artù, dovendo partire per combattere Lancillotto, gli affidò il compito di governare temporaneamente il paese. Mordret ne approfittò per stringere alleanza con tutti i nemici del regno della Grande Bretagna: Sassoni, Scozzesi e Irlandesi accorsero sotto le sue insegne, preparandosi a vendicare le ripetute sconfitte subite a opera di Artù. Avvertito del pericolo che lo minacciava, questi riorganizzò le sue forze, già assai indebolite dalla durissima guerra sostenuta contro Lancillotto, e in pochi giorni, lasciata la Gallia, ,sbarcò sulle coste della Grande Bretagna. Lo scontro fra i due eserciti avvenne nella pianura di Salisburgo, e fu terribile.

Le truppe di Mordret erano molto più numerose, ma quelle di Artù erano superiori per coraggio e prodezza, soprattutto perché a condurle erano i cavalieri della Tavola Rotonda. I nemici, disposti su due lunghe file, si fronteggiarono immobili per alcuni interminabili minuti, poi, ad un suono di tromba, i guerrieri di Mordret si lanciarono all'attacco, subito imitati dalla schiera avversaria. Il primo urto fu rovinoso e disseminò il terreno di morti. Mai si era vista una battaglia così sanguinosa: poche ore dopo l'inizio, la maggior parte dei combattenti giaceva a terra, e la Bretagna perse in quel giorno i suoi più valenti gentiluomini. Nella tarda mattinata, Artù ritirò la sua schiera per concedere un po' di riposo ai soldati, poi, postosi dinanzi a tutti, ordinò l'ultimo decisivo assalto. La mischia fu talmente furibonda che in poco tempo solo il re e il figlio traditore rimasero a fronteggiarsi. Mentre la terra era fumante per il sangue che la inondava, i due si lanciarono l'uno contro l'altro: Mordret immerse profondamente la spada nel fianco del padre, ma la lancia di Artù lo passò da parte a parte, aprendo una ferita così ampia che attraverso di essa passava la luce.

Entrambi gli avversari caddero a terra, ma mentre Mordret vi rimase per sempre, Artù riuscì faticosamente a rialzarsi. Risalito a cavallo con uno sforzo supremo, si diresse verso la riva del mare, dove rimase per qualche ora immobile guardando l'orizzonte. Finalmente sulle onde spuntò una nave agile e leggera che si accostò dolcemente alla spiaggia. Essa era piena di donne giovani e piacenti, fra le quali il vecchio re riconobbe la fata Morgana, che lo invitò subito a salire a bordo. Egli obbedì, e non appena ebbe messo piede sul ponte, la nave riprese il mare e scomparve in pochi minuti.
Vi è chi dice che essa si sia diretta verso l'isola di Avalon, dove Artù ancora vive, e dalla quale forse un giorno tornerà per riprendere il suo posto alla Tavola Rotonda.
 
  Oggi ci sono stati già 16 visitatori (113 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente