policoro
  Excalibur
 
Un'animazione insolita regnava nelle strade di Londra alla vigilia di Natale: uomini e donne discutevano vivacemente ai crocicchi, davanti alle botteghe, mentre nella via principale, uno dopo l'altro, quasi obbedendo a un invisibile; richiamo, i più illustri signori del regno, provenienti da diversi paesi lontani, sfilavano con il loro seguito per disperdersi poi nelle cento locande della città. In realtà l'avvenimento che si preparava era di quelli destinati davvero a essere ricordati per chissà quanto tempo nelle notti d'inverno, davanti al fuoco, o a essere cantati nei superbi castelli da ispirati menestrelli.
Uter Pendragon, re di tutta l'Inghilterra, era morto da poco più di un mese senza lasciare figli, e i potenti baroni, visto che nessuno di loro poteva vantare titoli che ne dimostrassero il diritto alla successione, si erano rivolti a Merlino affinché fosse lui a scegliere il nuovo sovrano. Merlino, che oltre a conoscere come nessun altro le arti magiche, era considerato a ragione l'uomo più saggio del regno, aveva pregato di attendere la nascita di Nostro Signore: a Londra, nel sacro giorno di Natale, Dio avrebbe manifestato la sua volontà e l'Inghilterra a avrebbe avuto una nuova guida. Tra i nobili che in quell'occasione erano giunti a udire l'atteso giudizio vi era anche ser Antor, seguito dai due giovani figli: Keu, fatto da poco cavaliere, e il sedicenne Artù. La mattina di Natale, durante la messa, la chiesa fu affollata come non mai: la gente del popolo guardava con curiosità e insistenza gli abiti sgargianti e i volti fieri dei signori raccolti nelle prime file, quasi cercasse di indovinare su quale capo si sarebbe fra poche ore posata la corona regia. Ma enorme fu la sorpresa quando, all'uscita dal tempio, un incredibile spettacolo si presentò agli occhi di tutti:
in mezzo alla piazza, su un grande blocco di roccia squadrata, era posta un'incudine, e nell'incudine era conficcata una spada, di cui era visibile soltanto la splendida impugnatura, che recava incise, in lettere d'oro, queste parole: Soltanto chi saprà estrarre questa spada sarà scelto da Gesù Cristo per regnare su tutta l'Inghilterra. Subito i più illustri baroni corsero a cimentarsi, uno dopo l'altro, nell'impresa, ma nessuno fu capace di smuovere minimamente la lama. L'arcivescovo decise allora che a tutti fosse concesso di sottoporsi alla prova, rimandando però il nuovo tentativo al giorno di Capodanno, dopo che si fosse svolto il tradizionale torneo. Quando il momento fu giunto, anche Keu, fresco cavaliere, volle parteciparvi per dimostrare la sua abilità con le armi. Avendo però dimenticato la propria spada nella locanda, pregò Artù di andargliela a prendere. Il ragazzo obbedì di buon grado, ma, una volta giunto alla locanda, scoprì con vivo disappunto che essa era chiusa, probabilmente perché anche i padroni avevano voluto assistere al torneo. A malincuore, volse indietro il cavallo e si diresse verso il luogo dove Keu lo attendeva.
Passando nella piazza deserta, vide la spada incantata splendere nella luce del mattino: quasi senza avvedersene, forse per gioco o forse perché spinto da una forza a lui sconosciuta, ne afferrò l'elsa e la tirò verso sé, sollevandola facilmente. La sorpresa di Artù fu grande, ma, a dimostrazione della sua ingenuità e del suo buon cuore, nemmeno per un attimo fu sfiorato dall'idea di poter essere lui il nuovo re. Semplicemente, pensò che quella spada avrebbe risolto i guai del fratello, permettendogli di partecipare al torneo. Così, con animo lieto lo raggiunse e gli disse con grande semplicità: Non avendo più trovato la tua spada, ho preso quella conficcata nell'incudine. Keu non rispose, ma subito andò dal padre e, mostrandogli la spada, gli si rivolse con goffa solennità: Ecco, padre: io sarò il re d'Inghilterra!. Il saggio Antor, che conosceva il carattere un po'sbruffone e scriteriato del figlio, non si sognò nemmeno di credergli e, messolo alle strette, lo costrinse a confessare la verità; quindi chiamò Artù e con lui si recò alla roccia.
Il ragazzo, su invito del genitore, ripose la spada nell'incudine, poi tornò ad estrarla con facilità, quasi con dolcezza. A quel punto, Antor, visibilmente commosso, lo abbracciò e gli disse con voce incrinata dall'emozione: Artù, devo farti una confessione molto importante, che forse ferirà il tuo cuore, ma che ti aprirà la strada della gloria. Tu non sei mio figlio. Avevi pochi giorni quando mi fosti affidato da Merlino, che mi raccomandò di tenerti caro come se fossi sangue del mio sangue. Così feci, e mia moglie addirittura affidò Keu a una balia per riservare solo a te il suo latte. lo non so chi ti abbia generato, ma so che a te è destinato il trono d'Inghilterra. In nome di ciò che ho fatto per te, una sola grazia ti chiedo: quando regnerai, concedi a Keu di essere al tuo fianco e perdonagli gli errori che il suo carattere superficiale gli farà commettere. Artù non sapeva se piangere o gioire per quella notizia; infine, dopo aver abbracciato ancora una volta l'uomo che per lui continuava a essere come un padre, rispose con le lacrime agli occhi: Farò ciò che tu vorrai, Keu sarà sempre con me, ma tu non abbandonarmi, altrimenti che potrei fare senza di te. Antor si recò immediatamente dall'arcivescovo, pregandolo di riunire tutti i baroni nella piazza della città; quindi, chiamato al suo fianco Artù, dopo aver spiegato pubblicamente come egli lo avesse accolto nella sua famiglia, lo invitò a ripetere l'esercizio che già due volte gli era riuscito così bene. Il giovane, mentre tutti lo guardavano incuriositi e increduli, sfilò la spada con leggerezza. Un mormorio di stupore si levò attorno, poi, mentre qualcuno giungeva le mani a ringraziare il Signore, cominciarono a sentirsi qua e là proteste sempre più decise.

Il mio onore non mi permetterà mai di inchinarmi davanti a un ragazzino, diceva un potente barone. Non è figlio di Antor: di chi è figlio allora faceva eco un altro; ed ancora: Non può divenire re chi non è di nobile famiglia. Sentendo il malcontento crescere, l'arcivescovo fece silenzio e con voce vibrante ingiunse: Nessuno può mettere in discussione la volontà del Signore che si è così chiaramente manifestata. Le proteste tacquero finalmente e Artù, dopo una messa solenne, fu unto e consacrato. L'Inghilterra aveva un nuovo sovrano.
 
  Oggi ci sono stati già 17 visitatori (190 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente