policoro
  In Piemonte
 

Il Carnevale più celebre del Piemonte è quello di Ivrea, caratterizzato dalla cosiddetta "Battaglia delle arance". Lo scontro avviene fra le compagnie degli "arancieri" che si collocano sopra carri trainati da due o quattro cavalli, e, dai "guerrieri a piedi", raggruppate sotto le insegne di "Asso di picche" e "Testa di moro"; ben presto tutti gli spettatori vengono coinvolti e si lanciano l'uno contro l'altro tonnellate di agrumi. Questa manifestazione vuole commemorare un fatto leggendario accaduto nel Medioevo. A quel tempo, Ivrea era dominata da un marchese-tiranno che, oltre a governare duramente i suoi sudditi infastidiva le fanciulle del paese. Fu così che quando Violetta, la bellissima figlia del mugnaio, si sposò con un certo Toniotto, subito dopo la cerimonia nuziale, il signorotto mandò le sue guardie a rapire la ragazza per portarla al suo castello. Ma la fanciulla, grazie ad un cavaliere mascherato accorso in suo aiuto, riusci a fuggire. Travestita da pastorella, visse per qualche tempo nella campagna, dove organizzò i contadini convincendoli a ribellarsi al tiranno. Una sera, infatti, assaltarono il castello e gli dettero fuoco. Violetta riuscì a raggiungere il signorotto e con una pugnalata lo uccise. Le arance,  protagoniste dell'attuale battaglia, simboleggiano la testa del marchese. La festa giunge il suo culmine negli ultimi tre giorni di Carnevale. Alla domenica si svolge la sfilata storica con al centro una ragazza che rappresenta la Mugnaia , scelta fra le donne da poco sposate e il cui nome rimane segreto fino alla  vigilia. Il lunedi avviene la battaglia delle arance e chiunque si trovi per strada senza un cappellino rosso in testa, rischia di essere colpito da centinaia di frutti. Il martedi infine, a luogo la bruciatura degli "scarli", pertiche alla cui sommita sventola una bandiera con lo stemma della città.


 
  Oggi ci sono stati già 104 visitatori (225 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente