policoro
  In Campania
 
Oggi il Carnevale è ricordato in varie zone della Campania con manifestazioni popolari e folkloristiche. Fra le altre, ricordiamo lo spettacolo musicale che si rifà alla canzone della "Zeza" e che ha come personaggi Pulcinella, sua moglie "Zeza", la figlia Vincezella è il fidanzato di quest' ultima Don Nicola. La storia é molto divertente, Pulcinella é contrario al matrimonio tra Vincenzella e Don Nicola, mentre la moglie Zeza cerca in tutti i modi di farli felicemente sposare. Dopo varie discussioni e litigi, Pulcinella caccia di casa Don Nicola, ma questi ritorna armato di fucile e minaccia di sparare a Pulcinella che, in tal modo, e costretto ad acconsentire alle nozze. La rappresentazione é accompagnata da un'orchestrina e gli attori, che sono tutti uomini, interpretano anche le parti femminili. 


La " Zeza" si chiude sempre con un gran ballo all'insegna della quadriglia. La più nota di queste rappresentazioni e quella di Avellino.  A Montemarano (Avellino), il Carnevale é caratterizzato da tre giorni ( domenica, lunedì e martedì grasso) di tarantella, durante i quali gli abitanti, vestiti in modo strano ( con lenzuola, mantelli e vecchi abiti), ballano in piazza al ritmo di una tarantella tipica del paese. Una tradizione antica hanno le feste carnevalesche di Vallelunga: gruppi di dieci o quindici persone travestite girano per il paese, entrando nelle case e danzando, giudati dal " bastuneri", una specie di presentatore delle maschere e accompagnati da una simpatica orchestrina.
 
  Oggi ci sono stati già 97 visitatori (125 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente