policoro
  Il marito della Befana
 
Molti credevano che la Befana fosse una vecchia zitella che, non avendo dei bambini suoi da accudire, si dedicava a quelli degli altri. E invece si sbagliavano, perché anche la Befana aveva marito e figli. Chi fosse veramente questo suo marito non lo sa bene nessuno. C'è chi dice che fosse il Barabau, un essere spaventoso e crudele, che molte mamme nominavano per far paura ai bambini disubbidienti. C'è chi dice invece che fosse il Carnevale, come racconta la strofa di una vecchia filastrocca:
La Befana s'è risolta di voler pigliar marito Carnevale è lì ammanito che la vuole viva o morta. C'era persino chi era convinto che il marito della Befana fosse Sant'Antonio Abate in persona. Questo Santo viene sempre presentato nei dipinti come un buon vecchione dai capelli bianchi e dalla lunga barba, candida come la neve. E vestito di poveri abiti, ha un bastone in mano con in cima un campanello e dalle pieghe del suo mantello fa capolino un grasso maiale. Forse perché è così vecchio, umile e vestito poveramente, in molti lo avranno considerato il marito ideale per la nostra Befana, e poi la sua festa era solo undici giorni dopo quella della Befana. In quei paesi dove credevano realmente che essi fossero marito e moglie, succedeva una cosa curiosa: la Befana e il suo maritino, come tutte le coppie che si rispettino, si aiutavano di cuore a vicenda. Così Sant'Antonio impietosito dal tanto lavoro che la Befana aveva da fare nella notte dell'Epifania, l'aiutava volentieri nella distribuzione dei doni e lo faceva dividendo in parti uguali quel compito così delicato: la Befana portava i doni alle bambine nella notte del 5 gennaio e lui li portava ai maschietti nella notte del 16 gennaio.
 
  Oggi ci sono stati già 104 visitatori (248 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente