policoro
  Calzastella
 

C'era una volta una befana distratta ed un poco inesperta che aveva smarrito la sua scopa. Non che avesse poca memoria, niente affatto, soltanto era cosi' indaffarata che quell'anno proprio non trovava piu' la sua scopa. L'aveva cercata ovunque: sotto il letto, in soffitta, in cantina. Il 30 agosto l'aveva portata dal signore che revisionava scope magiche: le era costato una fortuna, in lire naturalmente.
Oltre non ricordava nulla. Aveva chiesto anche al suo segretario, il gatto Romeo, ma aveva ricevuto in risposta un flebile miagolio mentre si stava dedicando alla sua occupazione preferita: abbuffarsi di dolci e torroncini. Farai indigestione uno di questi giorni, golosone che non sei altro. lo rimprovero' la vecchina, intenta a consultare alcuni libri nella speranza di trovare qualche rimedio. Come faccio! Come faccio! I bambini mi aspettano ed io non ho un mezzo di trasporto adeguato per portare loro i regali. Rimarranno delusi, vorranno bene solo piu' a Babbo Natale! Che guaio, che guaio!". Dalla finestra della sua cameretta, Leo aveva seguito tutta la scena con il telescopio ricevuto in dono a Natale e che da giorni era puntato in direzione di Calzastella, il paese della befana. Essendo un ragazzino molto vispo ed intelligente, decise che la sfortunata andava aiutata ed inizio' ad inviare messaggi a tutti i suoi amici: S.O.S. Befana senza scopa, bambini senza calze. Aiutiamola. Chi in bicicletta, chi sui pattini, chi addirittura sullo slittino: i bambini risposero tutti all'appello di Leo ed ognuno mise a disposizione di Happy Pifany cosi' si chiamava la befana il proprio mezzo di locomozione, per arrivare in tempo alla festa del 6 gennaio.

Gabbiano, amico fidato e suo consigliere personale, volo' da lei e le racconto' cosa stavano facendo i bambini,raccomandandosi di tenersi pronta e di preparare i sacchi con le calze. Quanto abbiamo da imparare dai piccoli, miagolo' Romeo, intento a bere latte caldo dalla sua ciotola. Happy si inciprio' il naso ed indosso' il suo vestito piu' bello, le scarpe rosse, il cappello a punta e lo scialle di lana ben stretto sulle spalle: era pronta per l'appuntamento con i suoi adorati bambini, e pure tanto emozionata. I primi chilometri, tutti in discesa, li percorse in sella ad una bicicletta color amaranto un tantino sgangherata ma si disse che mai si era divertita tanto! I sacchi con i regali erano stati legati uno all'altro e trascinati da coloratissimi monopattini. Al passaggio di quella allegra brigata, le persone uscirono dalle proprie case per applaudire e commentare quel grande gesto di bonta' dei bambini nei confronti di quella simpatica vecchietta. "Penseranno che la stiamo aiutando perche' in cambio riceveremo i doni" penso' Leo all'improvviso.
E mentre decine e decine di visetti sorridenti gridavano i loro urra per la befana, i ragazzi piu' grandi avevano gia' in mente un piano per concludere degnamente quella straordinaria giornata. Giunti nei pressi del campetto da pallone, Leo fece cenno di fermarsi. La befana si sedette a terra, slacciandosi i pattini con i quali aveva coraggiosamente percorso l'ultimo tratto di strada e, riprendendo fiato, disse: Non ho parole per dirvi quello che provo in questo istante: il vostro gesto sara' ricompensato con tanti bei giocattoli! E cosi' dicendo si alzo' per raggiungere, un po' traballante, i tanti sacchi che erano stati ammucchiati li' vicino. No, Happy cara, fermati" disse Leo, prendendola per mano. Io ed i miei amici abbiamo deciso che questa giornata deve concludersi con un gesto di solidarieta' nei confronti dei bambini meno fortunati. Noi tutti abbiamo le case piene di giochi, troppi e a volte inutili, mentre tanti altri bimbi non hanno nulla. Porteremo loro i tuoi doni, e sara' cosi' ogni 6 gennaio. Regaleremo un sorriso e un po' di serenita'". E cosi' fecero. I bambini non solo dimostrarono di essere rispettosi e premurosi nei confronti della befana, che fu nominata nonna di tutti, ma anche di possedere un cuore grande cosi'.

I grandi impararono che non necessariamente si aiuta il prossimo per avere in cambio qualcosa! Happy Pifany non trovo' mai la sua scopa: uno scherzo del destino? Chi puo' dirlo. Sicuramente da quel giorno ebbe tanti amici e non fu mai piu' sola. Infatti la sua casa divenne la meta di nonni che accompagnavano i loro nipotini a giocare e a farle visita, sorseggiando il the delle cinque e giocando allegramente a carte. Da allora il giorno dell'Epifania divenne simbolo di bonta' 
e Calzastella il paese della gioia.

 
  Oggi ci sono stati già 104 visitatori (209 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente