policoro
  Le paure di Carlotta
 
Carlotta, oggi andiamo al supermercato, disse la mamma. Carlotta era contenta: le piaceva molto andare al supermercato. Era un posto pieno di colori, e la mamma camminava avanti, fermandosi un po' a decidere, e poi mettendo le cose nel carrello, e Carlotta le andava dietro, un po' guardando la mamma, un po' gli scaffali.

Qualche volta contava i barattoli, qualche volta guardava le etichette. Quel giorno, Carlotta si chinò a guardare l'etichetta di una scatola di cibo per gatti: c'era disegnato un gattino bianco e nero uguale a Niccio, il micio della sua amica Flora. 
Quando alzò lo sguardo, la mamma non c'era più. Mamma disse. Nessuno rispose. Carlotta si volto, per vedere se la mamma fosse tornata indietro: c'erano solo scaffali pieni di merce. Il cuore di Carlotta cominciò a battere forte. Di corsa arrivo alla fine dello scaffale e svolto: c'era un altro corridoio, altri lunghi scaffali, deserto. La bambina voleva gridare, ma la voce le mancava, e invece di un grido le usciva solo un lamento sottile. Si mise a piangere, guardando di qua e di la: ma sembrava che fosse passato un grande vento, e avesse portato via la sua mamma e tutte le mamme e tutta la gente del supermercato. Si fermò: il cuore le batteva cosi forte che sembrava volerle saltar fuori dal petto. Perche piangi, piccola disse una vocina. Carlotta fece un salto. Si guardo attorno: non c'era nessuno. 

Chi ha parlato? disse con un filo di voce. Io, quassù  disse la vocina  
Carlotta guardò in alto, e vide un orsetto, con un piccolissimo tamburo appeso a tracolla. Piango perche non c'e piu la mia mamma. E perché non c'è più nessuno! disse Carlotta. Davvero? Oh oh oh! disse l'orsetto, scuotendo la testa di qua e di la. Hai sentito, tamburo? Uno, due, tre. E l' orsetto si mise a picchiare sul tamburo, così in fretta e così forte che tutto il supermercato rimbombava: e allora arrivarono di corsa sei commesse, tre facchini, un direttore, quattro cassiere, dodici clienti, e la mamma di Carlotta, che solo allora si era accorta di aver perso la bambina. Perche, dovete sapere, tutta quanda la faccenda era durata solamente venti secondi: ma venti secondi sono tanti per una bambina impaurita. Che c'è, tesoro disse la mamma, e l'abbracciò. Ho avuto paura disse Carlotta e, guardo in alto, l'orsetto ora non suonava più e stava fermo fermo, ma le strizzo l'occhio. 
 
  Oggi ci sono stati già 20 visitatori (115 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente