policoro
  Vivaldi
 
Fu il grande genio di Antonio Vivaldi a portare il concerto strumentale alle più alte vette.   Concerto significava originariamente insieme di più strumenti. Si distingueva il concertino, formato da pochi elementi particolarmente esperti, e il concerto grosso, nel quale era implicata tutta l'orchestra. Quando la composizione era dedicata a un solo strumento, o fino a un massimo di tre, veniva chiamata sonata.

La ricerca instancabile e feconda di Vivaldi produsse una vastissima quantità di composizioni, dedicate a tutti i principali strumenti, salvo il clavicembalo, che al suo tempo era considerato adatto solo ad accompagnare il concerto, cioè a realizzare quel sostegno armonico che veniva chiamato basso continuo. Noti a tutti sono ancora oggi i quattro concerti di Vivaldi intitolati Le quattro stagioni. Anche Lanotte, La caccia e La tempesta di mare creano una profonda suggestione. Le prime due raccolte che Vivaldi diede alle stampe dal titolo L'estro armonico, 1712, e Il cimento dell'armonia e dell'invenzione, dove per invenzione si intende melodia, ciascuna comprendente 12 concerti, s'imposero all'attenzione di tutti i pubblici europei e furono studiate dai più grandi compositori del tempo, compreso Bach. Nonostante i segni di decadenza politica, Venezia era ancora una città ricca e capricciosa. Con tutti i suoi teatri e la festa collettiva del carnevale, che durava settimane, esigeva e consumava sempre nuova musica. Compositori di altissimo talento come Tommaso Albinoni e Benedetto Marcello, e più ancora Vivaldi, erano costantemente all'opera per fornire fresche partiture. Le famiglie più facoltose, nei loro palazzi sul Canal Grande o nelle ville di terraferma, organizzavano feste grandiose cui partecipavano i principi di tutte le case reali d'Europa. E per la musica andavano pazzi. I Grimani, per esempio, assumevano soltanto domestici che sapessero suonare o cantare. Tuttavia Vivaldi compose la maggior parte delle sue opere per le putte della Pietà, le ragazze di un conservatorio femminile veneziano, ossia uno di quegli istituti dove si accoglievano e si assistevano giovani poveri, orfani o emarginati educandoli alla musica. Sotto la guida del grande maestro, quelle anonime artiste studiavano con passione e ogni domenica davano un concerto pubblico, protette e nascoste dietro una grata, com'era la regola, forse perché alcune erano deformi.

La vena inventiva di Vivaldi sembra inesauribile e le sue melodie catturano immediatamente perché sono spontanee, vitali, e scorrono con grande naturalezza. I suoi allegri sono pieni di colore, di energia, mentre gli adagi portano in uno stato di sonno pieno d'incanto. Impresario di se stesso, Vivaldi fece molti viaggi, a Praga, a Vienna, ad Amsterdam, sia per dirigere le sue opere sia per far stampare le sue partiture. A Trieste ebbe un incrocio con l'imperatore Carlo IV d'Asburgo, e le loro chiacchierate musicali durarono quindici giorni
 
  Oggi ci sono stati già 61 visitatori (194 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente