policoro
  Ravel
 
Di origine basca, dai contemporanei considerato imitatore parigino di Debussy, da Stravinskij definito un orologio svizzero, Maurice Ravel è la figura molto complessa e variegata della musica moderna. Effettivamente la sua origine basca lo portò a ispirarsi costantemente alla Spagna: non una Spagna folcloristica, ma piuttosto la Spagna rigorosa, ascetica, riservata nell' espressione dei sentimenti ma piena di carattere. Da Habanera, una delle prime composizioni per pianoforte, fino alleRapsodie spagnole e al Bolero, forse la più celebre delle sue creazioni, Ravel tratta i motivi spagnoli con estrema forza e concisione, e perfino con ossessiva convinzione. 

Formatosi a Parigi nello stesso periodo di Debussy, Ravel ricevette dall'ambiente culturale francese gli stessi influssi del suo contemporaneo, tuttavia le composizioni che più richiamano l'Impressionismo, come iJeux d'eau, furono scritte prima dei Préludes di Debussy. Rispetto a quest'ultimo, la personalita di Ravel è vigorosa e appassionata quanto altro estenuata e intellettuale. 
Il giudizio di Stravinskij si riferisce all'assoluta precisione e alla strabiliante abilità di Ravel nell'orchestrazione. La sua sensibilità al timbro sonoro degli strumenti e al gioco fra le varie sezioni dell'orchestra è rimasta insuperata.
Ravel Ballet
Spesso ancora oggi i Quadri di un'esposizione di Mussorgskij si ascoltano nell'orchestrazione magistrale che ne diede Ravel, mentre la sua rielaborazione orchestrale della Nona Sinfonia di Beethoven, per rispetto al grande nume, non viene mai eseguita. Ravel abbandonò ben presto l'inconsistenza dello stile impressionistico, che è quasi una polverizzazione dei motivi in note sparse, sospese, in brevi moti guizzanti o incantati. Preferì mantenere un'architettura d'insieme, entro la quale trovassero giustificazione anche le invenzioni e le forme più moderne, ma sempre in una cornice ,ben legata ai modi e alle tonalità stabilite dalla tradizione musicale europea.
Per questo Ravel fu l'ultima grande voce della musica classica. A causa di ciò, ancora in vita godette di grande polarità. Le sue tournée fino ai primi anni trent'anni non si contano. Poi cominciò ad avvertire disturbi al cervello; gli furono praticate intense cure e imposti lunghi periodi di riposo. Nel '37 gli venne proposto di sottoporsi a una rischiosa operazione; Ravel purtroppo accettò.
 
  Oggi ci sono stati già 5 visitatori (87 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente