policoro
  La capretta fatata
 
Il piccolo Giove, fu sottratto da sua madre e portato in una grotta lontana dell'isola di Creta. Era molto bella la sua cameretta; scavata nella profondità della roccia, era tutta tappezzata di muschio e di edera e, mille ghirlande di fiori ne ornavano l'entrata. Attorno alla sua culla le belle Ninfe, le fatine dei boschi, si affaccendavano a divertirlo. Adrastea, la fatina più ingegnosa, gli aveva costruito una splendida palla traforata, intrecciata con cerchi d'oro, in cui deliziosi ceselli di foglie si arrampicavano con grazia, e, quando il piccino si annoiava, scuoteva dolcemente la palla luminosa e la lanciava in alto,battendo le manine e ridendo a quel luccichio e a quel tintinnare giocondo.Le api distillavano per lui miele saporito e profumato, colombe bianche venute da chissà quali paesi lontani gli portavano l'ambrosia divina e un aquilotto dalle forti ali gli portava dal cielo il nettare dolce che dona l'immortalità. C'era poi una capretta fatata, Amaltea, che gli porgeva il latte e che sapeva tanto bene giocare con lui a rincorrersi lungo i pendii. Quando poi gli strilli del divino fanciullo salivano al cielo,accorrevano alcuni grandi uomini dei boschi, i Coribandi, i quali si affrettavano a battere forte con le lance sugli scudi di bronzo, mentre si agitavano nelle vivaci danze guerriere e cantavano inni di battaglia.Così il chiasso era talmente indiavolato e assordante che le grida di Giove venivano sicuramente coperti. Intorno al fanciullo fortunato c'erano anche i Ciclopi, i giganti dalla forza immensa, più alti di una montagna, con un sol occhio in mezzo alla fronte, i quali, incatenati da secoli, si divertivano a preparare al piccolo Giove le folgori dorate che egli poi lanciava, abbagliando il cielo e facendo scoppiare il tuono pauroso. Per giocare sulle praterie e nei boschi, Giove aveva per compagni i faunetti grinzosi dalle corna aguzze e dai piedi di capra e le belle Ninfe dai capelli biondi e la graziosa capretta Amaltea, che egli amava sopra ogni cosa.Un giorno però avvenne che Giove e la caprettina s'inseguissero con più ardore del solito attraverso le folte boscaglie, e che la caprettina, nella foga della corsa, battesse la testa contro un albero. Il colpo fu così forte, che uno dei corni si spezzò.Accorse pietosa la ninfa Melissa e, premurosamente, spalmò dei balsami preziosi e fasciò con cura la testa della bestiola. Giove, disperato per il male che involontariamente aveva arrecato alla bianca capretta dagli occhi dolci, assistette alla medicazione fatta dalla buona Ninfa, poi, raccolto da terra il corno di Amaltea, disse: Te lo dono Melissa, poiché tu hai curato con tanto amore la mia capretta, questo corno si riempirà di qualsiasi cosa tu desideri in ogni momento! Basterà che tu lo chieda. La Ninfa dal cuore gentile, fu grata del dono divino e, da allora, il corno spezzato della capretta Amaltea, che concedeva a chi ne era in possesso tutto ciò che desiderava, fu chiamato il Corno dell'Abbondanza
 
  Oggi ci sono stati già 24 visitatori (220 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente