policoro
  Giancurgolo
 

Il nome di Giangurgolo, a chi lo sa decifrare, dice quale sia la sua caratteristica principale, quella che lo ha reso famoso e che lo distingue dalle altre maschere; la fame, l'ingordigia, l'avidità insaziabile di cibo che l'accompagna costantemente. Naturalmente e disposto a tutto pur di arraffare qualcosa con cui saziari, anche a costo di rubare, se gli capita l'occasione di non essere scorto da nessuno. Poi é pronto a giurare di non aver visto o sentito niente, perché Giangurgolo oltre che bugiardo si rifiuta di affrontare qualsiasi responsabilità: tanta la fame, ma tantissima la paura. Un' altra caratteristica di questa maschera calabrese è quella del suo aspetto che certo non lo aiuta per niente e non può essere definito certo un bell'uomo. Piantato in mezzo ha un grosso naso deforme, la sua voce é stridula ed il suo modo di camminare é rigido e sgraziato. La simpatica maschera calabrese ha lasciato ormai da tempo i palcoscenici e la si può ritrovare solamente in qualche spettacolo dialettale di burattini.

 
  Oggi ci sono stati già 86 visitatori (188 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente