policoro
  Il Ginepro, simbolo del Cristo
 
Fino all’ inizio del novecento nelle campagne emiliane si usava bruciare un ramo di ginepro la sera di Natale, di S. Silvestro e dell’Epifania. Il suo carbone, come quello del ceppo, veniva poi impiegato durante l'anno come rimedio superstizioso. Il bagno spirituale nel Ginepro avrebbe liberato dall’accidia, la sua cenere, era invece simbolo di Umiltà. La leggenda narra che Maria, in fuga dai soldati di Erode, trovo rifugio e nascondiglio fra i propri rami. E da quel legno si sarebbe anche fatta la croce di Gesù. Tra le sue virtù, si sosteneva che fosse una pianta che teneva lontano i rettili, e a curarne il morso, che la tradizione cristiana interpretò come un potere di purificazione dei peccati.
ginepro.jpg (9132 byte)

IL GINEPRO
 
  Oggi ci sono stati già 20 visitatori (105 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente