policoro
  Bosco di Policoro
 
C’era una volta il Bosco Pantano
A Policoro c'e un itinerario naturalistico unico nel meridione: il Bosco Pantano. Fino agli anni ‘50, il Bosco si estendeva per 1600 ettari nella zona detta il “Pantano” (da cui deriva la sua denominazione), dalla foce del fiume Sinni e attraverso la “rivolta” fino alla foce del fiume Agri. Esempio più unico che raro di una foresta con specie igrofile che vegetano in un clima temperato umido, anomale, quindi, in un clima caldo e asciutto come quello della costa ionica. Questo “monumento della natura” è rimasto pressoché intatto fino all’inizio degli anni ‘50. Ecco come viene descritto da due grandi naturalisti, al cui nome sono legate tantissime battaglie per la salvaguardia del patrimonio naturalistico italiano. Stiamo parlando di Fulco Pratesi e Franco Tassi, i quali nella “Guida alla natura della Puglia, Basilicata e Calabria” (Mondadori editore - 1979), scrivono: La foresta di Policoro era un maestoso e lussureggiante campione di foresta di pianura, umida, dominato da frassini, ontani, pioppi, salici, olmi, querce. Chi vede questa meraviglia della natura, ancora nel 1956 quasi intatta, descrive l'eccezionale sviluppo della vegetazione, esaltando l'importanza della farnia, descrive cerro e della rovere presenti fin sulla riva del mare; parlano di frassini di oltre trenta metri, di olivastri di oltre quindici metri, di pioppi e salici spaventosamente grandi ed annosi, regno selvaggio di cinghiali, caprioli, martore e lontre".

Bosco Pantano

Uccelli
Foglie
Una “meraviglia naturale irripetibile”
Con l'avvento della riforma agraria negli anni 50, l'antica foresta venne in gran parte disboscata, bonificata e trasformata in fertile terreno agricolo, da cui furono ricavate decine e decine di aziende agricole. “Una meraviglia naturale irripetibile” venne distrutta tra l’indifferenza quasi generale. Ci fu qualche voce allarmata dal mondo scientifico, ma rimase inascoltata, in un epoca in cui più che la coscienza naturalistica di oggi, prevaleva la "fame" di terra.

Uccelli
Bosco pantano
A due passi dal mare, in compagnia dei gabbiani
Della foresta di 1600 ettari, furono risparmiati poco più di 500 ettari. E’ il “relitto” che resta di quella foresta, “ultimo lembo del bosco planiziario con una originale composizione floristica ed unico nell’Italia continentale”, che dà comunque un’idea di quello che era l’antico bosco, costituito da pioppo, olmo, frassino, ontano, salice, oltre a ginepro, ginestra, lentisco, mirto, rosmarino, macchia mediterranea e agave americana. Sono inoltre presenti esemplari plurisecolari di cerri, farnie, frassine e diverse ceppaie di alloro. Il bosco rappresenta anche un’area strategica per le migrazioni degli uccelli. Negli ultimi tempi sono state censite oltre 170 specie che hanno messo su casa nel bosco e negli ambienti acquatici del fiume e della costa. Il bosco è a due passi dal mare, se ne può respirare l’aria e ci si può tuffare, facendo il bagno in compagnia dei ...gabbiani, provando le sensazioni di una natura selvaggia.

Mareggiata
Tramonto tra i gabbiani
L’oasi naturale del WWF
E in tutto da alcuni anni una presa di coscienza per la tutela e la conservazione di questo relitto di bosco. l Comune di Policoro, nel 1995, ha assunto una iniziativa significativa, affidando i ventuno ettari di sua proprietà al WWF, che ne ha fatto un' "oasi naturale”, consentendone una corretta fruizione turistica, educativa e scientifica. La fondazione dell'oasi, voluta dall'amministrazione comunale, oltre che costituire l'avvio concreto per l'acquisizione al patrimonio pubblico di quel che ancora resta del Bosco Pantano, in parte appartamenti ad enti pubblici, vuole impedire manovre di utilizzazione ai fini speculativi, sempre in agguato. Gli altri enti dovrebbero seguire l’esempio del comune, affidandone la gestione, per la parte di loro proprietà, al WWF Italia, che dovrebbe quanto prima avviare le procedure per l’acquisto di quella parte di bosco, che è in mano ai privati.
Censimento della Testudo Hermanni nell’Oasi di Macchiagrande
Tartaruga
WWF soccorre cigno trafitto da freccia
Cigno
Corso di orientamento universitario nell'Oasi di Valmanera

Scuola
 
  Oggi ci sono stati già 39 visitatori (111 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente