policoro
  L'albero di Natale
 
E’ una tradizione antica che viene fatta risalire ai riti pagani del ceppo, bruciato a partire dal solstizio invernale (i giorni più corti dell’anno). Questo ceppo doveva essere scelto tra i migliori ed essere preferibilmente di quercia, e veniva arso davanti alla famiglia al cmapleto. Simbolicamente si bruciava il passato, e si coglievano i segni del prossimo futuro: le scintille che salivano nella cappa simboleggiavano il ritorno dei giorni lunghi, i doni erano simbolo di abbondanza, la cenere, raccolta, veniva sparsa nei campi per sperare in abbondanti raccolti. Ora noi troviamo questi simboli nel nostro albero di Natale e nelle nostre vie: le luci e le luminarie sono le scintille del falò, le palle e le decorazioni sono speranze di prosperità, l'abete sempreverde la speranza di rinascita, i fili d'oro e d'argento i capelli delle fate. La tradizione pagana e cristiana si è fusa: la luce allunga sempre più le giornate e Gesù nasce per salvare il mondo. Nel mondo contadino i festeggiamenti si protraevano fino all'epifania: erano dodici giorni, durante le quali le giornate iniziavano lentamente ad allungarsi. Però anche nella tradizione cristiana troviamo “l’albero”:  L'abete era l'Albero Cosmico, cioè la mnifestazione divina del cosmo. Poi viene identificato in Gesù e nella sua luce: l’illuminazione dell’albero è l’illuminazione di Cristo sull’umanità, mentre i frutti, i doni, le decorazioni simboleggiano la sua generosità verso di noi.

UN ALBERO DI NATALE
 
  Oggi ci sono stati già 54 visitatori (89 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente