policoro
  I dolcetti di Natale
 
Tra le cose più belle del Natale c'erano i preparativi, o almeno era questo che pensava Lizzy. Tutto iniziava quando ognuno aveva un segreto per chiunque altro, e dopo poco la casa profumava da cima a fondo di cannella, chiodi di garofano e anice. Gli urli sdegnati della mamma facevano parte dell'atmosfera, e si sentivano ogni volta che qualcuno rubava un pezzetto della pasta per i dolcetti, assieme al rumore dei ferri da calza della nonna, che cominciava a lavorare a maglia di primo mattino. Da quando fuori si era posata la neve, Buffalo Bill non usciva più da dietro la stufa. Si poteva chiamarlo quanto voleva: lui non faceva una piega. Se ne restava lì steso come fosse sordo. Alla sera venivano spesso i vicini in visita.

Allora il papà prendeva il violino dall'armadio, Piet e Lizzy lo accompagnavano con i loro flauti di legno e gli altri cantavano. In quei giorni a Lizzy piaceva molto aiutare la mamma in cucina. C'era sempre qualcosa da fare. Bisognava aggiungere più legna del solito alla stufa, le teglie da forno dovevano essere ben unte e si doveva stendere la pasta e tagliarla. Tagliare la pasta era l'attività preferita di Lizzy. La ragazzina prendeva un bicchiere da vino e lo premeva nella sfoglia stesa una volta dopo l'altra. Quando aveva finito, usava un coltello per sollevare con attenzione i biscottini crudi e appoggiarli sulla teglia. Tutti in ordine uno accanto all'altro. Peccato, le diceva la madre. Peccato che non abbiamo nessuna formina. Quando ero piccola, a casa avevamo cuori e stelle, galletti, coniglietti, cerchi e rombi. Invece qui a Elk City di formine non se ne trovano, e solo rotondi, i biscottini sono noiosi. Lizzy guardava meravigliata le file di dolcetti rotondi disposte sulla teglia. Ma mamma, esclamava allegra, "perché sei così triste? A me non sembrano mica noiosi: guarda un po'! La bambina indicava il primo biscotto di una fila: Questo è il sole e accanto c'è la luna piena. Poi c'è una moneta da un dollaro, poi una pedina da dama e la testa pelata di Mr. Adams vista da sopra.


Questo qui è uno zero e quella una crepe, poi ci sono l'occhio di un uccello, un fiore rotondo, il punto sull'ala di una farfalla e un sacco di stelle. Qualche giorno fa Miss Kathy ci ha spiegato che in realtà le stelle sono rotonde e che non hanno davvero i raggi. Come fai a dire che i nostri dolcetti sono noiosi?" La mamma dovette dare ragione a Lizzy, e quando il giorno di Natale qualcuno si metteva un biscottino rotondo in bocca, la ragazzina diceva ogni volta: Ora stai mangiando la luna piena, o la testa pelata di Mr. Adams vista da sopra, o il punto sull' ala di una farfalla. E con quelle parole i dolcetti diventavano anche più buoni.
 
  Oggi ci sono stati già 82 visitatori (160 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente