policoro
  Il mio fratello (Poesie sulla famiglia)
 
Tra i ricordi della mia infanzia felice e lontana emerge come un eco la voce della regina: Specchio delle mie brame chi è la più bella del reame. Un altro eco è la voce della mamma e del papà che con me passeggiavano felici e della nonna che mi ha lasciata, in un altro mondo è andata. Sono ancora con la mamma e il papà che felici non sono perché Marco sta in una carrozzella. La mamma e il papà vanno sempre di qua e di là dal medico, dal prete, all'ospedale, al santuario quando sono tornati sono sempre più tristi e sconsolati. Nessuno li può aiutare, nessuno li può consolare. Vorrei avere una bacchetta magica per dare loro la serenità e un po' di prosperità. Sogno di svegliarmi una mattina con Marco che corre in cucina, con la mamma che canta e prepara la colazione  e papà che felice urla con il suo vocione: La mia famiglia è pronta. Al lavoro debbo andare non è bello fare aspettare il vostro papà. Questa mattina il papà urlava la mamma piangeva e Marco diceva: Chi mi fa alzare dal letto.
 
  Oggi ci sono stati già 21 visitatori (127 hits) qui!  
 
Questo sito web stato creato gratuitamente con SitoWebFaidate.it. Vuoi anche tu un tuo sito web?
Accedi gratuitamente